Chiudi il banner dei cookies

Cliccando su OK accetti le cookies policies. Navigando in qualsiasi parte del sito dichiari di accettare l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui

News

Gabbiano Zadina

OSTRICHE CRUDE: TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE

Mangiare ostriche crude è da sempre considerato una vera e propria prelibatezza.
Per farlo in tutta sicurezza (e senza incappare in spiacevoli risvolti gastrointestinali) ci sono alcune accortezze da tenere a mente, prima tra tutte la qualità e la freschezza della materia prima.
L'ostrica infatti deve essere non solo freschissima ma anche viva, meglio ancora se acquistata dal proprio rivenditore di fiducia: fortunatamente gli allevatori per legge sono obbligati a sottoporre il prodotto ad elevati standard di qualità e sicurezza, nonché a procedimenti di decontaminazione che vanno a ridurre al minimo il rischio derivante dal consumo a crudo.

Come riconoscere un'ostrica fresca

Quando si vogliono consumare ostriche crude, il primo passo da compiere è verificare che siano vive e fresche, e con alcuni semplici accorgimenti questo processo non richiede particolari competenze tecniche:

Prova dell'odore: quando un'ostrica è fresca rilascia un piacevole odore salmastro, non puzza;
Andando a interagire con il guscio ancora chiuso tramite piccoli colpi, se il mollusco è vivo si sentirà un movimento all'interno, segno che il prodotto è fresco;
Aprendo la conchiglia bisognerà constatare che le due parti siano integre e ben chiuse, e che dall'interno venga esercitata resistenza all'apertura;
All'interno del guscio dovrà essere presente una buona quantità di liquido, ed il mollusco deve essere saldamente attaccato alla conchiglia (più passa il tempo, più il mollusco tenderà a staccarsi dal suo guscio);
Prova del tocco: toccando l'ostrica con la forchetta, se è viva avrà una reazione e si muoverà.

Una volta seguiti questi accorgimenti, si avrà la sicurezza che si ha a che fare con un'ostrica ottima per essere consumata cruda.

Come mangiare un'ostrica cruda: alcune ricette

Molte persone sostengono che il modo migliore per mangiare un'ostrica cruda sia mangiarla esattamente così com'è, senza condimenti o aggiunte di alcun genere, versata direttamente in bocca con la propria acqua.
Ma questo non è l'unico approccio possibile, anche perché non a tutti piace il tipico sapore salmastro che queste prelibatezze rilasciano.
Una variante molto semplice e piuttosto comune è l'aggiunta di pepe e limone.
In questo caso i due condimenti andranno versati sopra all'ostrica con ancora la sua acqua all'interno, andando a creare un'armonia di gusti e senza coprire il sapore caratteristico tanto ricercato.
Un pò più invasivo è invece il condimento con un intingolo composto da olio, limone e menta, che va a conferire freschezza ma al contempo maschera anche il sapore di mare.
Una versione più articolata invece, detta "alla francese", prevede l'accompagnamento con scalogno sminuzzato marinato all'aceto di vino bianco e una spolverata di pepe, il tutto versato direttamente nella conchiglia con ancora il suo liquido e affiancato da pane tostato spalmato con burro non salato.
Riguardo invece alla migliore bevanda per esaltare il gusto del mollusco, molto spesso si sente citare l'accostamento ostriche e Champagne che si ritiene essere il migliore ma che in realtà è subito sotto in classifica ad un vino bianco francese della Loira, il Muscadet.

Qualunque sia la preparazione delle ostriche crude prescelta, l'importante è sempre rivolgersi a ristoranti o rivenditori di fiducia, utilizzando il metodo sopra descritto per constatare se si tratti di un prodotto freschissimo (come richiesto da questo tipo di consumo a crudo), e presentando il mollusco in tavola nel modo migliore al fine di esaltarne il sapore e le caratteristiche.